@cantieresangiulio

con il contributo di

In questa pagina trovi varie informazioni sul campanile di S. Giulio e sui lavori che sono iniziati

Seguici anche su:       


PARTE ECONOMICA

PEREVENTIVO DI SPESA

L’importo totale dei lavori è di

852.000

di cui € 130.000 già pagati  per la prima fase dei lavori prevalentemente di diagnostica.

La cifra, dunque, restante per la seconda fase dei lavori ammonta a

€ 722.000,

le cui voci principali (comprensive di IVA al 10%) sono:

143.000    Ponteggio
294.800    Lavori edili sulla cuspide
135.300    Campane
101.268  Professionisti
€   47.632 Opere accessorie

IBAN per le donazioni:
IT 36 Q 05034 50123 000 000 014736

intestato a Parrocchia S. Giulio
Causale: Erogazione liberale per campanile

DETRAIBILITA’/DEDUCIBILITA’

(D.P.R. 917/1986, ARTT, 15 e 100 – (Ris. 5 Aprile 2005, n. 42/E)

Vista l’autorizzazione della Soprintendenza per i beni culturali, le erogazioni liberali per l’intervento di restauro del campanile sono oneri riconosciuti dal TUIR come detraibili per le persone fisiche (art. 15, comma 1, lettera h) e come deducibili per soggetti con reddito d’impresa (art. 100, comma 2, lettera f).

Ai fini della deducibilità/detraibilità, le donazioni  dovranno essere fatte esclusivamente con bonifico bancario utilizzando l’IBAN sotto indicato. 

LA RICEVUTA ai fini della deducibilità/detraibilità deve essere richiesta alla Parrocchia inviando una email con questi dati:
Persone fisiche copia del Codice Fiscale e indirizzo di residenza
Persone giuridiche denominazione, sede legale, Codice Fiscale e Partita IVA.

Essendo un lavoro autorizzato dalla Soprintendenza è necessaria la ricevuta della Parrocchia per la detrazione/deduzione: non basta la ricevuta bancaria del bonifico

sangiulio@cpcastellanza.it

CONTRIBUTI RACCOLTI

€ 135.000 (50% già ricevuto)
da Fondazione Cariplo – Bando Beni al Sicuro

€ 255.000 Donazioni

€ 154.440
dai parrocchiani (vedi in home page)

____________
€ 544.440

AIUTACI A RICOLLOCARE LA CROCE SUL CAMPANILE
E RIDARE VOCE ALLE 8 CAMPANE

Soldi raccolti
63.9%

DIARIO DEI LAVORI

7 giugno 2024

Il ponteggio è ultimato!
Ora si procederà con la rimozione delle beole che ricoprono gli otto spicchi della cuspide e la loro catalogazione per poi rimetterle al loro posto una volta sistemata la muratura che le sostiene. Si procederà spicchio per spicchio, prima uno e poi il suo opposto per garantire una stabilità maggiore all’intera cuspide.


don Gianni spiega le varie problematiche del campanile
1926-1948 qualche cenno storico
Spettacolare ripresa di tutta la torre campanaria con drone
Montaggio argano

Con il contiributo di

Il progetto è stato realizzato con Fondazione Cariplo impegnata nel sostegno e nella promozione di progetti di utilità sociale legati al settore dell’ arte e cultura, dell’ ambiente, dei servizi alla persona e della ricerca scientifica. Ogni anno vengono realizzati più di 1000 progetti per un valore di circa 150 milioni di euro a stagione. Fondazione Cariplo ha lanciato 4 programmi intersettoriali che portano in sé i valori fondamentali della filantropia di Cariplo: innovazione, attenzione alle categorie sociali fragili, opportunità per i giovani, welfare per tutti. Questi 4 programmi ad alto impatto sociale sono: Cariplo Factory, AttivAree, Lacittàintorno, Cariplo Social Innovation. Non un semplice mecenate, ma il motore di idee. Ulteriori informazioni sul sito www.fondazionecariplo.it


LIBER CHRONICON

Pagine delle cronache, annotate dai parroci dell’epoca, riguardanti la posa della prima pietra (1926) e la consacrazione della nuova Chiesa (1932); posa prima pietra del campanile (1936) e prima suonata del nuovo concerto di campane (1948).

Cliccare sulle singole pagine per leggere.

1926
1932
1936
1948

DAL CHRONICON DEL 1936

Il testo della pergamena posta nella prima pietra del campanile
dal Card. Schuster il 21 novembre 1936

Il racconto, scritto dal parroco don Luigi Testori, della giornata della posa della prima pietra del campanile – 21 novembre 1936
Il testo della pergamena posta nella prima pietra del campanile
dal Card. Schuster il 21 novembre 1936

Il Monte Rosa visto dal castello delle campane
Grigna, Grignetta e Resegone visti dal castello delle campane